Bed bugs: cosa fare per non portarsele a casa

Le cimici dei letti sono un vero e proprio incubo per il viaggiatore

Bed bugs: cosa fare per non portarsele a casa
Stars Insider

02/11/18 | StarsInsider

VIAGGI Viaggiare

Le cimici dei letti sono un parassita dell'uomo da tempi antichi, ma sono tornate a diffondersi in modo esponenziale con la facilità degli spostamenti di un mondo sempre più globalizzato. Trasportate inconsciamente dai viaggiatori su treni, aerei, hotel ed ostelli, i bed bugs sono il vero e proprio incubo del viaggiatore, perché si nascondono tra i vestiti e le valigie per poi riprodursi rapidamente nel luogo d'arrivo.

Capita, dunque, che si trasporti gli insetti a casa propria, dove poi è estremamente difficile liberarsene. 

Cosa fare, dunque per prevenire un'infestazione da cimici dei letti?

Quando si arriva in albergo: 

  • controllare materasso, doghe e prese elettriche per verificare che non ci siano uova (bianche, dalla forma allungata e lunghe circa 1 mm) o feci (macchioline scure, simili a muffa) dell'insetto;
  • nel caso si trovino le tracce della presenza delle cimici, avvisare la reception e pretendere un'altra sistemazione (un'altra stanza o un'altra struttura)

Se si è passato la notte in una stanza dove ci sono bed bugs:

  • al ritorno, lavare i vestiti a una temperatura superiore ai 50°;
  • isolare valigie e zaini dentro un sacco nero in cui spruzzare insetticida a base di piretro.

È possibile, inoltre, chiedere il rimborso delle notti passate nella struttura infestata. 

COMMENTI

Campo obrigatório

Non perderti...


Le ultime scottanti notizie su programmi TV, cinema, musica e contenuti esclusivi sul mondo dello spettacolo!

Accetto le condizioni di utilizzo e la politica di privacy.
Voglio ricevere Offerte Esclusive dai partner (annunci pubblicitari)

Puoi facilmente ritirare l’iscrizione in qualsiasi momento
Grazie per esserti iscritto
Non perderti...